Banda di Colbordolo
Provincia di Pesaro e Urbino

Storia

 

La nascita

Nel 1886-'88 per volontà di alcuni abitanti di Colbordolo tra cui Cesare Balestrieri, Domenico Liera e Raffaele Zangrilli nasce la Banda musicale di Colbordolo "Giovanni Santi".
Il nome della banda intitolata a Giovanni Santi (Colbordolo 1440 circa - Urbino 1494) è stato scelto nella ricorrenza del V centenario della morte dell'artista padre di Raffaello Sanzio.


Le prime notizie che si hanno della banda risalgono al 1909, quando il maestro di musica Domenico Maltoni si dimette.
Il maestro di musica della banda era stato assunto come dipendente impiegato del Comune di Colbordolo, questo sta a indicare che il Comune ha creduto nel progetto ed ha voluto in questo modo garantire la continuità negli anni della banda affidando l'insegnamento ad un maestro assunto regolarmente; il costo del maestro era un onere notevole per un comune che non aveva nemmeno il veterinario ma che ribadisce l'importanza che aveva assunto la banda.


Secondo una tradizione la banda risale al 1853 ma non ci sono documenti che possano testimoniarlo.
Dopo aver dato credito alla banda misicale stabilendo un regolamento e avendo dato uno stipendio di 800 lire, il Comune riduce lo stipendio a 200 lire minando così la sopravivvenza della banda lasciata alla buona volontà dei volontari.
La Giunta comunale nel 1913 aumenta il contributo alla Banda di 100 lire, considerando che esisteva da vent'anni e che la scuola di musica era utile all'istruzione dei giovani.
Nel 1922 la banda in seguito al nuovo corso politico italiano riceve un clamoroso aumento del contributo che arriva a 2.000 lire, votato dall'unanimità dalla Giunta e dal Consiglio e supportato da una raccolta firme in cui appaiono i maggiori contribuenti del comune.
Il maestro della banda percepiva uno stipendio considerato di lusso se si considera che un insegnante scolastico a quel tempo prendeva  dalle 800 alle 900 lire e che un operaio prendeva 360 lire.


Le notizie sono discontinue a causa della distruzione del Palazzo comunale minato e fatto saltare in aria in cui era conservato anche l'archivio; molte notizie si hanno dal racconto dei testimoni diretti.
Nel 1936 il complesso musicale era "semi sfasciato" ma non decaduto.
Nel 1939 il Concerto era guidato dal maestro Bruttigni originario di Ascoli Piceno ed era composta da 13 elementi.
Durante la seconda guerra mondiale la banda cessò la sua attività per riprendere subito dopo la fine del conflitto.
Si narra che Ontario Camillini, riuscì a recuperare strumenti e spartiti dal corpo militare dove prestava servizio per inviarli a Colbordolo.

 

Il dopoguerra

Il Comune di Colbordolo era stato danneggiato notevolmente dalla guerra, molte abitazioni erano state fatte saltare dai tedeschi e non fu facile trovare i sussidi per il sostegno della banda.
Nel 1946 la banda richiese un salone per effettuare due serate danzanti per pagare il maestro di musica il prof. Dino Gaio.
Nel 1947, mutati i tempi politici, il Consiglio comunale delibera un contributo annuo per il Concerto musicale di 50.000 lire.


Nel 1947 ci fu il primo concerto dopo la guera presso Santa Maria delle Selve nella Cesana di Urbino. Un aneddoto narra che i componenti della banda furono trasportati con un autocarro ed ogni volta che c'erano delle curve strette l'autista li invitava a scendere altrimenti non riusciva a far manovra.
Nel 1949 la banda musicale si divede, i musicisti abitanti a Talacchio abbandonarono la banda.
I talacchiesi formarono una loro banda che entro in competizione con quella di Colbordolo.


Fin dal 1948 l'Amministrazione Comunale contribuiva al mantenimanto delal banda commissionandogli dei servizi per le principali feste nazionali così pagava la prestazione evitando di elargire il sussidio.
Negli anni '50 l'Amministrazione riparte i contributi tra le due bande fino al 1960 quando la Banda di Talacchio si scioglie e i musicisti si uniscono di nuovo alla Banda di Colbordolo.


La conquista della Tromba d'oro

Nel 1967 la Banda di Colbordolo conquista la Tromba d'oro, trofeo messo in palio dall'Ente Provinciale per il Turismo di Pesao e Urbino che fu promotore di una manifestazione musicale che coinvolse i concerti bandistici di tutto il territorio della provincia.

 

Le Bande musicali si sfidarono in diverse competizioni ad eliminazione alla fine delle quali rimasero in lizza i Concerti di Colbordolo, Sassocorvaro, Mercatello sul Metauro, Montefelcino e Ubania.
L'ultima eliminazione del concorso si svolse a Fano.
Il Concerto di Colbordolo era diretto dal Maestro Giuseppe Ricci.

 

La Tromba d'oro vinta fu esposta in vari esercizi pubblici dove la popolazione locale e straniera potesse ammirarla. L'Amministrazione comunale decise di festeggiare l'evento con la proposta votata all'unanimità dal Consiglio Comunale dell'11 settembre del 1967: Festeggiamento alla banda per la conquista della Tromba d'oro.
Il festeggiamento consisteva nella liquidazione di una fattura di £ 85.000 emessa dal ristorante l'Orizzonte di Colbordolo per un acena che i concertisti avevano già consumato.
In sostanza prima si festeggiò, poi si pensò a pagare.

 

La conquista della Tromba d'oro creò dei dissapori all'interno della Banda che terminarono con le dimissioni del Maestro Giuseppe Ricci.
Il conflitto naque da una divergenza di opinioni per l'attribuzione del premio che consisteva in una Tromba, che non era d'oro ma perfettamente funzionante, ed in una medaglia d'oro.
Secondo alcuni dirigenti della Banda la medaglia doveva rimanere al Concerto mentre il Maestro Ricci riteneva che la medaglia fosse di sua spettanza.

 

La conquista del premio siglò un nuovo rapporto della Banda con l'Amministrazione che sfociò con la nomina del Sindaco quale presidente della Banda.
Da quel momento fino ad oggi, il Sindaco del Comune di Colbordolo assume automaticamente la carica di presidente della Banda cittadina.

 

Dagli anni Settanta ad oggi

Negli anni Settanta il Provveditorato agli studi di Pesaro finanziò un corso di musica da tenersi a Colbordolo con insegnanti locali. Tantissimi giovani provenienti anche da fuori Colbordolo parteciparono al corso e diventarono parte del corpo bandistico.
In quel periodo il Concerto si munì di delle divise e del distintivo.

 

In quegli anni l'Amministrazione comunale finanziò delle lezioni di musica tenute da Ontario Camillini a Colbordolo e da Alfredo Pacini a Talacchio.
La Regione Marche ne l1979 approvò l'istituzione di un corso di orientamento musicale della durata di sei mesi da tenersi a Colbordolo. Il corso fu affidato ad Ontario Camillini.
L'esito positivo del corso fece si che la Regione rinnovasse la delibera anche negli anni successivi.

 

Negli anni Ottanta il Concerto suonava in occasione di tutte le festività nazionali enelle ricorrenze di Ognisanti e dei Defunti, inoltre nelle manifestazioni estive prendeva parte a varie esibizioni nelle varie frazioni altrenandosi con il Coro polifonico "Fanum Fortunae".

 

Negli anni Novanta il Concerto partecipò a varie manifestazioni:
- La banda dell'anno, Pesaro, 1991 - 1993, durante la mostra internazionale "Interexpo music" classificandosi sempre ai primi posti nella graduatoria finale.
- 1991 Wolfsburg (germania) in occasione del gemellagio della città con la Provincia di Pesaro.
- 1996 ospite d'onore alla Fiera internazionale di Caen in Normandia (Francia).

 

Attualmente la formazione è composta da 80 elementi guidati dal Maestro Bruno Macci (colbordolese doc).
Gli strumenti appartengono per la maggior parte ai musicisti, anche se il finanziamento regionale ha permesso di l'acquisto di alcuni strumenti.

 
© 2005-2018 Banda di Colbordolo - Gestito con docweb - [id]